UMBRIA

Rimandato! Azione Intensificata Marco Baston Giovanni Delfino at Corsia Of

ATTENZIONE! In ottemperanza dei Decreti Ministeriali, sin dal 5 marzo scorso abbiamo annunciato che il Workshop è RIMANDATO a data da destinarsi. Qui rimangono le date precedentemente previste SOLO perché, data l’incertezza che stiamo vivendo, non sappiamo ancora con quali nuove date sostituirle, ma vogliamo mantenere la pagina di questo evento attiva e non annullarla. Le nuove date verranno comunicate non appena si avranno maggiori certezze.
Gli iscritti sono stati già contattati in privato.
Grazie a tutti per l’attenzione e a presto con gli aggiornamenti!
#staytuned #misurerestrittivecovid19 #formazioneartistica #corsiaof #perugia

AZIONE INTENSIFICATA, FOLLIA CONTROLLATA
Incontro di formazione con Marco Baston e Giovanni Delfino

Rivolto ad artisti performativi e a tutti gli interessati (gruppo misto funzionale alla pratica di lavoro)

27-28-29 marzo 2020
Corsia Of – Ex Fatebenefratelli, P.zza San Giovanni di Dio 4, Perugia

all’interno del progetto “Il sentiero dei nidi di ragno” di Micro Teatro Terra Marique in collaborazione con CURA Centro Umbro Residenze Artistiche, Corsia Of – Centro di Creazione Contemporanea e Compagnia Degli Gnomi

L’incontro è rivolto sia agli artisti performativi sia a tutti coloro che vogliano intraprendere una via per superare la ripetitiva “rappresentazione di sé” sul palcoscenico del mondo e transitare in uno spazio più ampio di quello conosciuto.

Marco Baston – che trasmette le sue conoscenze dopo un lungo apprendistato in Messico con il lignaggio tolteco di Felipe Amezcua – e Giovanni Delfino – attore-musicista, regista e formatore – collaborano da qualche tempo a diversi incontri di formazione, mettendo di nuovo in comunicazione ambiti di indagine strettamente connessi alle origini: il linguaggio e la ricerca teatrale e performativa con la pratica e l’esplorazione sciamanica.
La coincidenza ha voluto che questa collaborazione nascesse proprio quando Compagnia Degli Gnomi, che esprime sin dalla sua fondazione la vocazione ad approfondire certe tematiche, era alla ricerca di formatori in grado di portare tali istanze all’interno di progetti di formazione artistica e del pubblico realizzati nel contesto del centro di creazione contemporanea e residenza artistica Corsia Of.
È così che, da novembre scorso, nasce il progetto di una serie di incontri sul tema della “azione intensificata”, che trova spazio nel progetto di Micro Teatro Terra Marique, C.U.R.A. e Corsia Of “Il sentiero dei nidi di ragno”.

“L’azione intensificata e la follia controllata” è il secondo incontro della serie (per partecipare NON è necessario aver partecipato al primo), finalizzato ad una ricerca esperienziale fuori dall’ordinario e, al tempo stesso, ad un confronto altrettanto straordinario tra “performer” e “spettatori”.
L’incontro è concepito come una formazione per artisti performativi che si estende anche a tutti gli interessati, rivolgendosi dunque ad un “gruppo misto” che garantisce un’interazione funzionale alla pratica proposta.

LA FOLLIA CONTROLLATA

<<la questione=”” da=”” risolvere=”” per=”” un=”” guerriero=”” come=”” performer=”” il=”” contrasto=”” apparentemente=”” irrisolvibile=”” tra=”” la=”” realt=”” vera=”” del=”” mondo=”” naturale=”” sua=”” assoluta=”” efficienza=”” e=”” invece=”” follia=”” inefficace=”” inadeguata=”” irrisoria=”” comportamento=”” umano.=””>>
Marco Baston

Guerriero, per i toltechi, è colui che persegue la conoscenza, inteso come esploratore di quel “resto del mondo” che non comprendiamo e che descriviamo come “ignoto”. Il guerriero si differenzia dagli antichi stregoni dediti alla ricerca del “potere” perché, diversamente, amplia la propria consapevolezza avendo come fine ultimo la libertà.
Nel tempo ordinario, la persona che si vincola al proprio “nodo sociale” è simile all’attore che continua a recitare se stesso: entrambi finiscono per trascurare l’aiuto del mondo. Attori, danzatori, artisti, tutte le persone che, invece, mirano a superare la “rappresentazione di sé” e abbandonare la ripetizione sterile dei cliché personali in favore di un’esperienza che risuoni e trasformi, si trovano in una condizione simile a quella dei guerrieri.

Nel sistema tolteco, i guerrieri trovano il modo di risolvere il contrasto tra la realtà del mondo e la follia del comportamento umano attraverso la pratica della “follia controllata”, ottenendo così che la loro azione risulti intensificata e precisamente direzionata. In questo processo, che si tratti di performer o di guerriero, ci sono tre elementi in gioco: il performer (il guerriero, in relazione con gli altri performer/guerrieri), il pubblico (la struttura sociale) e lo spazio (il mondo). Attraverso la pratica della “follia controllata”, la relazione con la struttura sociale e con il mondo cambia completamente: il vero pubblico, per il guerriero come per il performer, dovrebbe essere il mondo, quello che supporta anche il pubblico umano, che è solo una delle forze in atto.
Se attraverso la “follia controllata” riusciamo a uscire dal “nodo sociale”, allora possiamo continuare o meno a fare ciò che abbiamo fatto per tutta la vita, ma questa volta consapevolmente, strategicamente, collegati alle forze in atto per ottenere evoluzione, invece che concentrati su noi stessi e ripiegati sulle nostre convinzioni. È con questa disposizione che durante l’incontro si esploreranno le potenzialità creative del corpo, della voce, della parola e della relazione , ovvero, in sostanza, dell’atto creativo consapevole.
Tutto questo, nel contesto performativo, vale anche per lo spettatore che voglia diventare consapevole del proprio vedere, responsabile della propria presenza e della propria testimonianza, creando così i presupposti che rendono l’evento teatrale un possibile contesto di esplorazione e conoscenza collettiva.

La “follia controllata” richiede di modellare nel modo corretto la nostra percezione sensoriale e la nostra attenzione nella sua relazione con l’energia, per andare dietro ed evocare la forza che sposta anche l’attenzione del pubblico (o della socialità) ed ottenere quella che si può descrivere come “azione intensificata”.

Marco Baston introdurrà i partecipanti al linguaggio e alla pratica dello Sciamanesimo Tolteco nella sua declinazione più contemporanea, esito di una storia antichissima, misteriosa e nobile, da sempre in dialogo con i linguaggi artistici.
Giovanni Delfino condurrà quella parte della pratica che riguarderà principalmente i principi di lavoro consapevole e creativo del performer e la relazione inter-attiva tra performer, spazio e spettatore.

Marco Baston è autore dei libri “La soglia dell’energia”, “La predominanza del corpo energetico”, “Disperdere il suggeritore”, “Ricapitolazione. Affacciarsi sull’infinito” ed altri ancora. È negli anni novanta, mentre affronta una serie di viaggi in Messico per lo studio delle piante officinali, che entra in contatto con un lignaggio di Sciamani Toltechi, il lignaggio di Felipe Amezcua. Il gruppo lo accoglie e lo coinvolge in un processo di rieducazione percettiva e culturale, con un apprendistato che dura dieci anni riguardando ogni aspetto della vita: per i guerrieri che anelano a salvaguardare la propria energia, la vita quotidiana è il campo di addestramento. Alla fine dell’apprendistato rimane un compito: radunare la conoscenza e renderla disponibile. Da allora scrive e tiene conferenze ed incontri di formazione in tutta Italia.
http://www.intento.it/
La soglia dell’energia

Giovanni Delfino è attore-musicista, regista, pedagogo teatrale, co-fondatore e direttore artistico di Teatri del Vento di La Spezia. Negli anni di formazione, l’eterogeneità degli stimoli e lo studio della “contaminazione” tra diverse discipline artistiche lo portano a sviluppare l’interesse per il processo creativo e collaborativo nella dimensione scenica teatrale. Grazie alla pedagogia e alla ricerca dell’Institutet för Scenkonst di Göteborg (Svezia), di cui è prima allievo e poi collaboratore, si chiariranno principi ed aspirazioni per i successivi sviluppi come regista ed insegnante. Studia inoltre con Teatro Continuo e con la compagnia Derevo (Germania). Come attore lavora con Institutet för Scenkonst, Risma Teatro, Barrevoet Companie, Centro Studi e Ricerche Teatrali di Olbia, Carovana Circo Immaginario, Alef Danza Teatro, Jurij Ljubimov, Adrian Fisher, Catalyst Teatro ed altri. Dal 2001 dirige Teatri del Vento, interagendo con scuole, istituzioni, enti sociali e culturali. Da tempo conduce i laboratori itineranti “Percorsi Creativi” e “Respirando” che sfociano sovente in esiti performativi site-specific.
https://www.youtube.com/channel/UCrf2EmKHQGFvs2MS2fztX9Q
https://www.facebook.com/www.teatridelvento.net/

Corsia Of è composta da quattro compagnie di teatro contemporaneo: Micro Teatro Terra Marique (capofila), Art N/veau, Compagnia Degli Gnomi, Occhisulmondo. Come gruppo di fatto, nel triennio 2015-17 gestisce la Residenza Artistica Nazionale di Perugia riconosciuta e finanziata da MiBACT e Regione Umbria. Trasformata in associazione nel 2017, a giugno dello stesso anno, grazie alla Convenzione con Comune di Perugia, inizia a gestire gli spazi del complesso dell’ex Fatebenefratelli che ne diventano la sede, dando vita ad un centro per la creazione contemporanea che ospita residenze artistiche, spettacoli, eventi, progetti di formazione e il festival triennale Corsie Festival. Nel 2018 Micro Teatro Terra Marique diventa uno dei soggetti di C.U.R.A. Centro Umbro Residenze Artistiche, finanziato da MiBAC e Regione Umbria, includendo lo spazio di Corsia Of nella rete di spazi gestiti, e instaurando con essa un partenariato e una collaborazione stabile per tutte le residenze e i diversi progetti da realizzare a Perugia e in Umbria.

ORARI DEL WORKSHOP
Gli orari di inizio delle giornate sono fissati, mentre gli orari di pausa e riprese sono indicativi: in base all’andamento del lavoro e al ritmo del gruppo, verranno determinati con precisione di volta in volta.
Il primo giorno si lavorerà un minimo di 5 ore, nei giorni successivi un minimo di 8 ore.

Venerdì 27 Marzo
h 16.00 – 19.30 / pausa cena / 22.00 – 23.30 circa

Sabato 28 Marzo
h 10.00 – 13.00 / pausa pranzo / 15.00 – 19.00 circa / pausa cena / 22.00 – 23.30 circa

Domenica 29 Marzo
h 10.00 – 13.00 / pausa pranzo / 15.00 – 20.00 circa

PASTI
I pasti verranno consumati insieme organizzandoci con cibo da asporto e pranzi al sacco.

ALLOGGIO
Possibilità di alloggio convenzionato, per informazioni scrivere a Y29yc2lhb2YgfCBnbWFpbCAhIGNvbQ==

NOTA
Il workshop verrà attivato con la condizione di raggiungere il numero minimo di 25 partecipanti, che è necessario al funzionamento delle dinamiche di lavoro.

INFORMAZIONI,
MODALITÀ DI ISCRIZIONE, QUOTA DI PARTECIPAZIONE
scrivere a Y29yc2lhb2YgfCBnbWFpbCAhIGNvbQ==
cellulare SOLO whatsapp: 320 9522177
</la>