ROMA

Europe. Sociologia di un plurale necessario, IBS + Libraccio, libri a Roma, evento in corso

[ad_1]

Dopo Italie, che analizzava i mutamenti avvenuti nel nostro paese a livello socio-politico, Mannheimer e Pacifici allargano lo sguardo all’intero continente, alla vigilia di elezioni cruciali per il suo futuro. Questo saggio esamina la metamorfosi avvenuta nel corpo sociale in Europa, dall’ambito demografico al sistema di comunicazione e informazione, valutandone il peso nelle profonde trasformazioni in atto nel comportamento politico dei cittadini europei. Nella maggior parte dei paesi membri dell’UE, le famiglie politiche mainstream (cristiano democratici/popolari, liberali/radicali, socialisti/socialdemocratici) non sono sembrate in grado di intercettare il cambiamento che stava avvenendo nella società o almeno di esprimere proposte adeguate. Per ridare vitalità al dialogo politico sarebbe necessario che l’Unione compisse un profondo ripensamento di sé, con un insieme di misure attinenti alla costruzione europea, all’economia, all’informazione. Ma soprattutto sarebbero necessarie massicce iniezioni di «cultura europea» che permettessero di contrastare un’informazione manipolata e non indipendente e favorissero una reale partecipazione dei cittadini. Allo studio oggettivo della situazione in cui versa oggi il «sogno» europeo possono nascere le idee per la sua rinascita e gli anticorpi alla sua dissoluzione.

RENATO MANNHEIMER lavora da più di trent’anni nel campo delle ricerche e dei sondaggi d’opinione. Ha insegnato in diverse Università italiane e straniere, in Europa e negli Stati Uniti.

GIORGIO PACIFICI è un sociologo dei problemi della trasformazione. Negli ultimi anni si è occupato delle società dell’area indiana, oggi oggetto di un rapido processo di metamorfosi. Ha insegnato in Università europee e dell’America Latina.

Libraccio Roma 

Presentazione del volume

Europe. Sociologia di un plurale necessario

Jaca Book

Con gli autori Renato Mannheimer e Giorgio Pacifici

intervengono

Benedetta Cosmi

Marco Frittella

Mariastella Gelmini