ROMA

Gli obelischi di Roma, Obelisco Sallustiano – c.d. obelisco di Trinità dei Monti, visite guidate a Roma, evento in corso



Dopo la conquista dell’Egitto a seguito della vittoria riportata da Ottaviano a Filippi (31 a.C.), a Roma scoppiò una vera e propria “egittomania” nella moda, nella cultura e nell’architettura. Da Augusto in poi diversi imperatori, come segno di continuità regale, faranno trasportare dall’Egitto il simbolo di potenza del faraone: l’obelisco.
Alcuni studiosi ritengono che l’obelisco non simboleggiasse affatto il dio del Sole Ra, ma che fosse un monumento celebrativo dell’atto sessuale che testimoniasse alle generazioni future le conoscenze raggiunte dalla loro cultura in tale ambito. Non a caso molti tra gli studiosi ritengono che l’obelisco sia un simbolo “fallico”.
Qualsiasi sia stato il loro significato simbolico… quello che è certo è che i romani erano infatuati degli obelischi, al punto che oggi gli obelischi egizi che si trovano a Roma sono più numerosi di quelli rimasti in Egitto, talmente erano stregati dalla forza evocativa di questo monumento che ne scolpiranno loro stessi alcuni ad imitazione di quelli egizi. Fra gli obelischi di Roma un posto d’onore occupa quello dedicato ad Antinoo, pegno d’amore dell’imperatore Adriano al suo grande amore perduto, scolpito in pietra viva.
Gli obelischi di Roma.

La visita guidata sarà condotta da: Valentino De Luca, archeologo in possesso dell’abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: circa 2 ore.

NOTE DA LEGGERE!

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l’associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un’associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.

Foto tratta in rete (scatto anonimo)