ROMA

Tradizioni trasteverine: Giovedì Santo e la veglia delle “Quarantore”, Statua di Trilussa, visite guidate a Roma, evento in corso

[ad_1]

La tradizione liturgica del Giovedì Santo, legata alla memoria della lavanda dei piedi, viene celebrata con la “Veglia delle Quarantore” nella chiesa Trasteverina di Santa Maria dell’Orto, unica a Roma, a mantenere viva la tradizione di riporre l’ostia consacrata in una grandiosa “macchina” ornato supporto a 213 candele che grazie al loro suggestivo tremolio illumineranno gli affreschi e gli stucchi della chiesa, gioiello del Manierismo Romano, fino alla mezzanotte. La nostra Associazione, propone una suggestiva passeggiata serale tra i vicoli di Trastevere, quartiere dall’animo popolare e multiculturale, che legò il suo destino alle attività dei porti fluviali, nonché alla ricchezza delle sue botteghe, taverne e locali notturni. 

Tradizioni trasteverine: Giovedì Santo e la veglia delle “Quarantore”.

Una passeggiata fra le viuzze tortuose di uno dei quartieri più autentici e tradizionali di Roma.

Docente: Valeria Scuderi, storica dell’arte in possesso dell’abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma, esperta di tradizioni, folclore e cultura romana.

La visita partirà alle ore 21.00 da Piazza Trilussa, e si concluderà presso la macchina delle Quarantore di Santa Maria dell’Orto. Una visita da non perdere!

Durata: 2 ore circa

NOTE DA LEGGERE

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito: http://romaelazioperte.blogspot.it e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l’associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un’associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.

Foto tratta in rete (scatto anonimo)