ROMA

Le Sale Private del Palazzo della Cancelleria e il Lago Sotterraneo, Palazzo della Cancelleria, visite guidate a Roma, evento in corso

[ad_1]

Si narra che il palazzo della Cancelleria Apostolica fu costruito dal cardinal Riario grazie alle vincite di una singola notte di gioco. Alla sua realizzazione (1485-1515) contribuirono diversi architetti fra cui Andrea Bregno e Donato Bramante, al quale sono attribuiti anche l’esecuzione del bellissimo cortile rinascimentale e il restauro della contigua chiesa di San Lorenzo in Damaso. Nel 1546 il cardinal Alessandro Farnese commissionò a Giorgio Vasari di celebrare la memoria di papa Paolo III Farnese decorando ad affresco la volta del salone centrale del palazzo, opera che il Vasari si vantò di aver eseguito in solo 100 giorni. Scavi sotto al palazzo (1988-1991) hanno rivelato i resti di un sepolcreto cristiano e le vestigia di una grande basilica paleocristiana che la tradizione vuole costruita sulla Domus di Papa Damaso I (305-384), al di sotto di essa sono un mitreo e il sepolcro di Aulo Irzio sommerso dalle acque di un laghetto color smeraldo, profondo dai 3 ai 6 metri, alimentato dall’Euripus, canale proveniente dallo Stagno di Agrippa.

*Una visita imperdibile che prevede la prenotazione e il pagamento anticipato per l’apertura straordinaria del Salone dei 100 Giorni e della zona ipogea.

La Sala dei 100 Giorni del Vasari e il lago “sotterraneo” del Palazzo della Cancelleria.

La visita sarà condotta da Luisa Delle Fratte, storica dell’arte.

Le Sale Private del Palazzo della Cancelleria e il Lago Sotterraneo – €20

Quando: Sabato 10 novembre, h 10.00

***LA VISITA VA PRENOTATA E SALDATA ENTRO IL 2 NOVEMBRE 2018***

Durata: circa 2 ore. 

NOTE DA LEGGERE

Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito:http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l’associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un’associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.”

Foto tratta in rete (scatto anonimo)