ROMA

Immagini e parole di Pietro Varroni, Museo H. C. Andersen, mostre a Roma, evento in corso

[ad_1]

La mostra si apre con due lavori di dimensioni medio/grandi disposti specularmente nel salone d’ingresso del primo piano: un dittico che Varroni ha realizzato appositamente per il museo. Fa seguito, nel salone più grande, una selezione antologica di opere-libro ideate e realizzate dall’artista tra il 1996 e il 2018, compresi i dieci numeri di “Rivista d’Artista”. Il percorso continua con alcuni libri concepiti per la mostra e diversi lavori su carta anch’essi recenti; questi ultimi rappresentano un corpus unico che, pur nel diverso rapporto con lo spazio, si possono considerare un’uscita della pagina dal libro.

Piero Varroni, artista e curatore, ha invitato a partecipare alla realizzazione dei suoi libri numerosi autori (pittori, poeti e scrittori), condividendo le diversità dei rispettivi linguaggi. La peculiarità di questi libri, fatti a mano in tirature limitate, è che nessun esemplare è identico all’altro, come nella disciplina amanuense. Varroni è soprattutto un artista, e tutti i volumi che pubblica si avvalgono del suo contributo diretto.

Nelle sue opere, come quelle presentate in questa mostra, poesia e pittura si rafforzano reciprocamente; il segno iconico e quello verbale nella loro fusione e interazione danno vita al Libro-Opera.

“Un’operazione come quella di Piero Varroni materializza la trasversalità dei linguaggi e delle tecniche, segna il recupero degli aspetti plurisensoriali della comunicazione estetica tra i più semplici e naturali e, nel contesto del nuovo sentire tecnologico, riafferma una dimensione artigianale che va scomparendo e una manualità che sembra testimoniare la volontà di ricercare ritmi più pacati da contrapporre alla velocità dell’universo digitale” (Giovanni Fontana).

La mostra vuole essere testimonianza e verifica di un investimento etico sulla lentezza come percezione dei valori del fare, tra natura e linguaggio. Il libro d’artista, da vedere, è ormai – da oltre un secolo – per ogni artista un luogo altro del proprio lavoro, con uno specifico statuto afferente alla parola e all’immagine.

Piero Varroni è nato a Terracina nel 1951, vive e lavora a Roma.

Artista e curatore, è titolare dello Studio Varroni / Eos Libri d’Artista. È impegnato da molti anni nella ricerca sperimentale dell’arte legata alla letteratura e alla poesia, con l’intento di avvicinare i vari linguaggi per un’ideale unità delle arti.

Dopo anni di impegno nell’ambito della pittura, dell’incisione e della scultura, gli inizi degli anni Novanta segnano una scelta caratterizzata dall’uso esclusivo della carta come supporto per il proprio lavoro. Realizza i primi libri d’artista con le edizioni Orolontano di Alfonso Filieri, per continuare poi, dal 1996 con una propria sigla Eos-Libri d’Artista. Nel 1998 fonda l’Associazione Culturale Eos, che s’impegnerà per lo sviluppo dei linguaggi verbali e pittorici tramite la realizzazione di libri d’artista. Varroni esegue personalmente ogni fase del lavoro: dall’ideazione all’esecuzione fino alla cura delle mostre. Nascerà nel 1999, il primo numero di “Rivista d’Artista”: opera-libro collettiva che terminerà con il numero 10 nel 2011.

Nel 2012 inizia un ciclo “binario” di mostre nello studio di via Saturnia 55, dove Varroni invita molti artisti a realizzare un’opera-libro, fra i tanti: Jannis Kounellis, Hidetoshi Nagasawa, Carlo Lorenzetti, Luisa Rabbia, Gea Casolaro, le cui opere sono esposte in mostra. Varroni organizza anche antologiche dedicate ad un artista o a un poeta: Mirella Bentivoglio, Emilio Villa, Mario Diacono, Lamberto Pignotti, Giovanni Fontana.

Lo Studio Varroni è diventato negli anni un luogo di “messa in opera” delle idee, dove l’Opera diventa narrazione plurale, esperienza e condivisione di più voci, tra arte, poesia e filosofia.