ROMA

Contemporaneamente Roma 2018, In città, altri eventi a Roma, evento in corso

[ad_1]

Al via una nuova settimana di Contemporaneamente Roma 2018, manifestazione dedicata alla produzione culturale contemporanea, che propone numerosi appuntamenti di arte, cinema, teatro, danza, fotografia ed esplorazioni urbane, con diverse iniziative presentate dalle istituzioni cittadine e dagli operatori culturali selezionati attraverso l’Avviso Pubblico di Roma Capitale. Contemporaneamente Roma 2018 è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale ed è realizzata in collaborazione con SIAE e con i principali enti e istituzioni culturali della città. Le attività di comunicazione sono realizzate con il supporto di Zètema Progetto Cultura.

Il programma completo e gli aggiornamenti su tutte le manifestazioni in programma sono consultabili sul sito www.contemporaneamenteroma.it e sull’account social CulturaaRoma su Facebook, Twitter e Instagram o telefonando al call center 060608 (attivo tutti i giorni ore 9-19). L’hashtag ufficiale della rassegna è #contemporaneamenteroma.

 

Tra gli appuntamenti dal 26 ottobre al 1 novembre, si segnala mercoledì 31 ottobre la mostra Interni Romani, del pittore cinese Lu Song, a cura di Ludovico Pratesi, che aprirà al pubblico nella sede espositiva del Mattatoio a Testaccio. L’artista presenta una serie di dipinti recenti di grande dimensione, abbinati ad alcune opere realizzate per l’occasione e dedicate a Roma, che suggeriscono al visitatore un’immersione nell’atmosfera fiabesca della scena, dove si uniscono tradizione e contemporaneità, passato e presente.

Dal 31 ottobre al 4 novembre prende il via nei Giardini di Largo Ravizza a Monteverde il progetto multimediale New Roma Imago Urbis, a cura di Cinema Mundi Cooperativa Onlus, che con incontri, perfomance e concerti coinvolgerà attivamente i cittadini in un percorso partecipativo che li porterà a realizzare alcuni cortometraggi. Mercoledì 31 ottobre e giovedì 1 novembre il format prevede alle 16 la presentazione del tema della giornata, seguito alle 17 da unaperformance teatrale-artistica e dalle 18 alle 20 da incontri con gli ospiti della giornata. Alle 21 concerto ed effetti sonori/video e alle 22 una performance teatrale-artistica.

Si avvia a conclusione la XIII edizione della Festa del Cinema di Roma a cura della Fondazione Cinema per Roma, che sabato 27 ottobre alle 18.30 come ultimo appuntamento selezionato per Contemporaneamente propone al MAXXI l’incontro con la fotografa e videoartista iraniana Shirin Neshat, premiata alla Biennale di Venezia del 1999. Neshat incontrerà il pubblico raccontando anche la sua esperienza cinematografica con particolare riferimento al suo film d’esordio Donne senza uomini, opera tratta dal romanzo omonimo di Shahrnush Parsipur, con cui si è aggiudicata il Leone d’argento per la miglior regia alla Mostra del Cinema di Venezia 2009. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Venerdì 26 ottobre al Nuovo Cinema Aquila e poi sabato 27 e domenica 28 ottobre al Cinema Odeon Multiscreen, verranno proiettati, ad ingresso libero, tutti i cortometraggi realizzati dai giovani filmakers nell’ambito del contest internazionale The 48 Hour Film Project organizzato dall’Associazione Culturale Le Bestevem. La serata di premiazione del contest è prevista domenica 28 ottobre dalle 21.30 in poi al Teatro Brancaccio di via Merulana (capienza del teatro 1300 persone). Maggiori info sul sito https://www.48hourfilm.com/it/rome-it

Ultimi due giorni di eventi, venerdì 26 e sabato 27 ottobre, per la terza edizione di Rome Art Week, la rassegna annuale promossa da KOU Associazione Culturale e dedicata all’arte contemporanea della città di Roma, che vede aperti al pubblico con inaugurazioni, mostre e incontri, oltre 154 tra gallerie d’arte, accademie e istituti culturali italiani e stranieri.

Chiude venerdì 26 ottobre al Mattatoio di Testaccio l’esposizione Photo IILA che celebra i 10 anni del Premio IILA Fotografia rilasciato da IILA – Organizzazione internazionale Italo-latino americana con una selezione dei progetti delle edizioni precedenti e i lavori realizzati a Roma dai vincitori degli anni passati.

Prorogata invece al 4 novembre nella Sala Santa Rita, l’installazione dell’opera site specific Linee e Punti No. 1 dell’artista tedesco Robert Henke, pensata appositamente per questo spazio espositivo nell’ambito del RomaEuropa Festival 2018.

 

Alcune manifestazioni sono nella fase preparatoria costituita da laboratori o call aperte ed inaugureranno al pubblico nelle prossime settimane. Tra queste Dominio Pubblico: Millennials A(r)T Work dell’Associazione Culturale Dominio Pubblico rivolta a ragazzi under 25, impegnati, per tutto ottobre e novembre, nella raccolta di video-interviste e fotografie nei quartieri Marconi, Trullo e Corviale. Per partecipare è aperta una call fino all’8 dicembre sul sito dominiopubblicoteatro.it

Prosegue infine anche la fase di preparazione della rassegna Oscillazioni, a cura dell’Associazione Culturale Il Triangolo Scaleno, il cui programma di danza, teatro e musica è inserito all’interno della 12^ edizione di Teatri di Vetro festival delle arti sceniche contemporanee. Fino al 4 novembre ci si può candidare all’Open Call on-line rivolta alla selezione di dieci cittadini/amatori per la performance Lo Spazio Delle Relazioni della compagnia Sonenalé e del coreografo Riccardo Fusiello che verrà realizzato il 10 novembre al Teatro del Lido di Ostia. Info Pagina facebook

PROGRAMMA 26 OTTOBRE – 1 NOVEMBRE

ESPLORAZIONI E PERCORSI URBANI

Entra nel vivo il progetto Alla Fine della Città. Narrazioni, viandanze e immagini nelle periferie, a cura dell’Associazione Culturale Ti con Zero. Un modo per conoscere Roma più lentamente, più profondamente, guardandola con gli occhi di un urbanista, di una scrittrice, di un attore, di un fotografo, lungo un itinerario che parte dal centro e camminando o pedalando arriva al mare, attraversando i Municipi VIII, IX e X. Sabato 27 ottobre in programma la prima pedalata, a cura dell’associazione Fiab-RuotaLibera, con partenza alle 9.15 dalla Stazione Termini e arrivo alle 16.30 al Museo delle Civiltà all’Eur, passando da piazza Bologna, Foro Italico, Stadio dei Marmi, Prati e Garbatella. Un itinerario di luoghi e immagini, che ha come tema l’architettura razionalista a Roma fra il 1920 e il 1940. Conducono Alessandra Grusovin e Roberto Cavallini. La pedalata percorrerà 38 km (25 km di mattina, 13 km di pomeriggio) per una durata di 7 ore. Previsto pranzo al sacco con sosta pranzo alle 13 circa in zona Ostiense, vicino Eataly. Domenica 28 ottobre in programma una seconda pedalata, a cura dell’associazione  VediRomaInBici, con partenza alle 9.15 da largo Corrado Ricci per percorrere poi la via Ostiense. Conduce Piero Tucci. Si passa dai resti di archeologia industriale (il gazometro e la Centrale Montemartini) a quartieri popolari costruiti negli anni Venti (la Garbatella), a quartieri popolari degli anni Sessanta (Valco San Paolo). Preziose testimonianze del mondo classico e cristiano: la Basilica di San Paolo, Porta San Paolo con la Piramide, fino ai forti militari che circondano la città, costruiti per difendere la giovane capitale dello stato unitario subito dopo la presa di Porta Pia. Verranno percorsi 20 km per una durata di 4 ore. Pausa caffè a metà del percorso (Basilica San Paolo).

Al Museo delle Civiltà all’Eur è ancora visitabile fino al 17 novembre l’installazione artistica Periscopi, con fotografie di Giovanni De Angelis, il reportage in mp3 di Carola Susani ed il libro installazione di Fernanda Pessolano. Periscopi tratta l’attualità, è un viaggio caleidoscopico nelle periferie metropolitane, uno sguardo sulla vita quotidiana (da martedì a domenica ore 8-19).         

Prosegue per tutto ottobre e novembre il percorso di formazione Dominio Pubblico: Millennials A(r)T Work organizzato dall’Associazione Culturale Dominio Pubblico e rivolto a ragazzi under 25, che – attraverso una call aperta fino all’8 dicembre – costituiranno un teamwork che affiancherà un gruppo di street artist nella produzione artistica di un progetto urbano volto a raccontare la storia dei quartieri Marconi, Trullo e Corviale attraverso video-interviste, creazioni artistiche e materiale fotografico. La documentazione raccolta tra ottobre e novembre verrà presentata nell’evento pubblico Open MA(r)T in programma dal 6 all’8 dicembre al Teatro India e nei quartieri coinvolti. Info www.dominiopubblicoteatro.it

Dal 31 ottobre al 4 novembre si svolge nei Giardini di Largo Ravizza a Monteverde il progetto multimediale New Roma Imago Urbis, a cura di Cinema Mundi Cooperativa Onlus, che coinvolgerà attivamente i cittadini con incontri, le perfomance di Desiderè Giorgetti e Giulio Mezza, i concerti di Marcello Fraioli, effetti sonori e video, in un percorso partecipativo che li porterà a realizzare alcuni cortometraggi. Mercoledì 31 ottobre alle 16 presentazione del tema della giornata: Genius Loci – Natura e Mito: il principio Giano Bifronte e le querce del Gianicolo, il Tevere, i Colli Sacri. Segue alle 17 una performance teatrale-artistica. Dalle 18 alle 20 incontri con gli ospiti della giornata. Alle 21 concerto/effetti sonori/video. Alle 22 performance teatrale-artistica. Giovedì 1 novembre alle 16 presentazione del tema della giornata: Gli Spettacoli, l’Immortalità, il Mito, le Gesta, l’Immagine, i Volti. Alle 17 performance teatrale-artistica e dalle 18 alle 20 incontri con gli ospiti della giornata. Segue alle 21 il concerto/effetti sonori/video e alle 22 performance teatrale-artistica.

In corso la fase di preparazione della seconda edizione di HER: She Loves S. Lorenzo, il primo festival di quartiere dedicato all’arte, ai dati e alla cultura dei dati, promosso dal centro di ricerca HER – Human Ecosystems Relazioni e che si svolgerà dal 3 novembre al 21 dicembre, in diverse location del quartiere San Lorenzo. Scopo della manifestazione stimolare le connessioni fra gli attori del quartiere di San Lorenzo, creando network e cortocircuiti fra mondi diversi, e attraverso workshop, talk, seminari e performance far comprendere la complessità dei dati nel mondo contemporaneo attraverso i linguaggi dell’arte. Attive sul sito web del festival due call: la call for Art&Data beloved project (aperta fino al 16 novembre) intende promuovere e diffondere le forme artistiche che esplorano dati, algoritmi, e il dominio della computazione (intelligenza artificiale, algoritmi), per come intervengono nella cultura e nel vissuto quotidiano delle persone. La call for Art&Data lovers (aperta fino al 20 novembre) è invece rivolta a tutti gli esercizi commerciali del quartiere, per invitarli a ospitare un evento e/o opera, rendendola accessibile al pubblico per la durata dell’iniziativa e diventare così i Lover del festival. Maggiori Info sul sito

DANZA

Per la rassegna Oscillazioni, a cura dell’Associazione Culturale Il Triangolo Scaleno, il cui programma di danza, teatro e musica è inserito all’interno della 12^ edizione di Teatri di Vetro festival delle arti sceniche contemporanee, prosegue intanto la fase di preparazione e costruzione dei formati performativi e degli spettacoli. C’è tempo fino al 4 novembre per candidarsi all’Open Call on-line rivolta alla selezione di dieci cittadini/amatori per la performance Lo Spazio Delle Relazioni della compagnia Sonenalé e del coreografo Riccardo Fusiello. Lo stage intensivo del coreografo previsto con i dieci selezionati sarà realizzato il 10 novembre al Teatro del Lido di Ostia. Tutte le info alla paginaFacebook

TEATRO

Dal 30 ottobre al 19 dicembre PAV snc di Claudia Di Giacomo e Roberta Scaglione presenta Fabulamundi Playwriting Europe: Beyond borders? un progetto per la promozione e il sostegno della drammaturgia contemporanea  realizzato con la cooperazione di teatri, festival e organizzazioni culturali provenienti da 17 Paesi europei. Coinvolti nella programmazione, che prevede laboratori, spettacoli teatrali e una residenza artistica, il Teatro India, il Teatro Biblioteca Quarticciolo e l’Università La Sapienza. A condurre i laboratori e ad animare le scene, registi, attori, giornalisti e formatori. I laboratori si concluderanno con alcune rappresentazioni aperte al pubblico e previste a novembre e dicembre. Info su www.pav-it.eu

Nell’ambito della XVII edizione di TREND nuove frontiere della scena britannica, l’unica rassegna in Italia interamente dedicata alla drammaturgia inglese, al Teatro Belli venerdì 26 e sabato 27 ottobre alle 21 ultime due repliche dello spettacolo My Brilliant Divorce di Geraldine Aron, con Francesca Bianco, regia Carlo Emilio Lerici. Angela è una donna di mezza età. Suo marito Max l’ha lasciata per una giovane amante. La figlia si è trasferita in un’altra città. Rimasta sola, in compagnia del suo cane Dexter, Angela deve imparare a fare i conti con la sua nuova condizione di “single involontaria”. Dal 29 ottobre al 1 novembre ogni sera alle 21 va in scena lo spettacolo Ivan & The Dogs di Hattie Naylor, con Lorenzo Lavia e la regia di Massimiliano Farau. Siamo nella Russia povera degli anni Novanta, la gente è così povera che i genitori cominciano ad abbandonare chi in casa mangia o ha bisogno di cure. I primi a essere abbandonati sono i cani, poi i bambini. E’ lo stesso destino che tocca al piccolo Ivan che deve affrontare il difficile mondo della strada insieme a un cane bianco, suo inseparabile compagno.

Per il “Ciclo proiezioni Digital Theatre”, in lingua originale senza sottotitoli ad ingresso gratuito, venerdì 26 ottobre viene proiettato Parlour Song di Jez Butterworth, mentre sabato 27 ottobre è la volta di A Disappearing Number di Simon McBurney. Inizio proiezioni alle 18.

CINEMA

Si avvia a conclusione la XIII edizione della Festa del Cinema di Roma a cura della Fondazione Cinema per Roma. Tra gli ultimi eventi selezionati per il programma di Contemporaneamente Roma la kermesse romana proporrà in collaborazione con Videocittà l’Incontro ravvicinato con Shirin Neshat. Sabato 27 ottobre alle ore 18.30 la fotografa e videoartista iraniana, premiata alla Biennale di Venezia del 1999, dialogherà con il pubblico del MAXXI raccontando anche la sua esperienza cinematografica con particolare riferimento al suo film d’esordio Donne senza uomini, opera tratta dal romanzo omonimo di Shahrnush Parsipur, con cui la Neshat si è aggiudicata il Leone d’argento per la miglior regia alla Mostra del Cinema di Venezia 2009. Nel corso degli anni, l’artista si è imposta grazie alla sua capacità di descrivere le complesse condizioni sociali all’interno della cultura islamica, rivolgendo uno sguardo particolare al ruolo della donna. Nell’ambito della Festa in città, continuerà fino al 17 novembre, invece, la mostra La prigioniera di Marina Sagona allestita nella Fondaco Gallery di via della Frezza. Attraverso una serie di disegni e sculture e anche con un’opera sonora, l’artista racconterà i tormenti e la claustrofobia dei rapporti sbagliati.

Entra nella fase conclusiva la XII edizione del contest internazionale The 48 Hour Film Project, organizzato dall’Associazione Culturale Le Bestevem, che ha visto giovani filmaker sfidarsi nella realizzazione di un cortometraggio di 7 minuti in sole 48 ore. Tutti i cortometraggi prodotti vengono proiettati venerdì 26 ottobre dalle 19.30 alle 23, al Nuovo Cinema Aquila, e sabato 27 e domenica 28 ottobre dalle 11 alle 15 al Cinema Odeon Multiscreen. Le proiezioni sono gratuite e aperte a tutti. Domenica 28 ottobre dalle 21.30 in poi Serata di premiazione al Teatro Brancaccio di via Merulana (capienza 1300 persone). Maggiori info sul sito.

Prosegue fino al 9 novembre, nella Galleria Monte Santo, a pochi passi da Piazza Mazzini, la mostra Michelangelo Antonioni: raccontare l’incomunicabilità, dedicata al maestro ferrarese e organizzata da A.E.A. srl. L’esposizione, costituita da pannelli di grande formato relativi ad alcuni film del grande regista (Deserto Rosso, L’Avventura, La Notte, L’Eclisse), si pone l’obiettivo della divulgazione di tematiche culturali e sociali direttamente trasmesse dalla sua ineguagliabile filmografia. Tematiche che vengono affrontate in una serie di incontri-dibattiti come quello di sabato 27 ottobre alle ore 11 tenuto dalla dottoressa Alexia Di Filippo e dedicato all’incomunicabilità nel rapporto uomo/donna, all’alienazione del rapporto, le nevrosi e le patologie comportamentali. La mostra è visitabile da lunedì a sabato ore 9.30-19.30 a ingresso gratuito.

ARTE

Ancora in corso per altri due giorni, venerdì 26 e sabato 27 ottobre, la terza edizione di Rome Art Week, la rassegna annuale promossa da KOU Associazione Culturale, che presenta al pubblico una panoramica della proposta di arte contemporanea della città di Roma attraverso eventi gratuiti in spazi espositivi, open studio di artisti professionisti e progetti culturali. Vi partecipano 154 tra gallerie d’arte, Fondazioni, Istituti di cultura e Accademie, aprendo le loro porte alle inaugurazioni, ai finissages, ai talk e alla promozione di artisti attraverso numerosi eventi. Per guidare il pubblico nella moltitudine di eventi fruibili, noti critici, curatori e operatori del settore forniranno il loro punto di vista sui partecipanti e sugli eventi delineando percorsi omogenei ed evidenziando le eccellenze della manifestazione. In programma visite guidate gratuite durante tutto l’arco della manifestazione in orari e percorsi differenti che attraversano tutta la città anche con appuntamenti serali. Schede dei partecipanti, calendario degli appuntamenti giornalieri, visite guidate e mappa interattiva sul sito web  www.romeartweek.com.

Il padiglione 9A del Mattatoio di Testaccio, dal 31 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019, ospiterà la mostra Lu Song. Interni Romani, prima mostra in Europa del pittore cinese Lu Song (Pechino, 1982), curata da Ludovico Pratesi. La pittura dell’artista, di matrice figurativa, si ispira ad un’analisi attenta e puntuale della storia dell’arte europea, con una particolare attenzione al paesaggio, colto  in maniera surreale e fantastica, quasi evocativa. Tele di grandi dimensioni riprendono tematiche presenti della pittura romantica tedesca, da Gaspar David Friedrich ad Arnold Bocklin, che ha vissuto a Roma e ha intrepretato con una sensibilità nordica le suggestioni del mondo classico romano. Lu Song si ricollega a questa tradizione e presenta al Mattatoio  una serie di dipinti recenti, abbinati ad alcune opere realizzate per l’occasione e dedicate a Roma, con colori bronzei e quasi metallici, che suggeriscono al visitatore un’immersione nell’atmosfera fiabesca della scena, dove si uniscono tradizione e contemporaneità, passato e presente. La mostra sarà visitabile da martedì a domenica ore 14-20.

Prorogata al 4 novembre, nella Sala Santa Rita, l’installazione dell’opera site specific Linee e Punti No. 1 di Robert Henke, artista, musicista e ingegnere informatico tedesco, realizzata nell’ambito del RomaEuropa Festival 2018 e pensata appositamente per lo spazio di via Montanara. Henke ha creato un vero e proprio dialogo tra l’architettura e un organismo elettronico animato dai laser e dal suono. Fasci di luce accarezzano le pareti, punti e griglie saltano sul pavimento e cercano di comprendere, in una danza algoritmica senza fine, i meccanismi che rendono vivo lo spazio (visitabile ad ingresso libero da martedì a giovedì ore 16-20; venerdì e sabato ore 16-23; domenica ore 11-19).

A Palazzo delle Esposizioni fino al 20 gennaio 2019 è allestita la mostra Pixar 30 anni di animazione, curata da Elyse Klaidman e da Maria Grazia Mattei per l’edizione italiana. Con oltre 400 opere tra disegni, sculture, bozzetti, collage e storyboard, e una ricchissima selezione di materiali video, l’esposizione è un vero e proprio viaggio negli Studios e nell’universo creativo della Pixar. Fino al 6 gennaio 2019 invece è in corso la rassegna Giappone a colori, con due mostre a ingresso libero: al Bookstore è allestita Nihon no Ehon – Libri dal Giappone, a cura di Yukiko Hiromatsu e Yasuko Doi, che presenta una selezione di 50 libri illustrati per bambini pubblicati negli ultimi cinque anni. La mostra è organizzata dall’Ambasciata del Giappone in Italia e dal Japanese Board on Books for Young People (JBBY) in occasione del 150esimo anniversario di relazione diplomatica tra l’Italia e il Giappone. Nello spazio Forum sono invece esposte le tavole originali del libro Mukashi Mukashi. C’era una volta in Giappone nato dalla collaborazione tra Fondazione Št?pan Zav?el e Franco Cosimo Panini in occasione della 35esima edizione della mostra “Le immagini della fantasia a Sarmede”. Illustratori giapponesi – Susumu Fujimoto, Kotimi, Junko Nakamura e Satoe Tone – e italiani – Mara Cozzolino, Philip Giordano, Simone Rea e Valeria Petrone – sono stati chiamati a dare forma alle più belle fiabe della tradizione nipponica, riscritte dalla penna di Giusi Quarenghi. Una serie di eventi speciali, incontri e presentazioni arricchiscono la rassegna. Tutte le mostre in corso sono visitabili domenica, martedì, mercoledì e giovedì ore 10-20; venerdì e sabato ore 10-22.30.

Molte sono le iniziative a ingresso gratuito proposte dal Macro Asilo in via Nizza, tra le quali venerdì 26 ottobre alle 16 la lectio magistralis La bellezza nascosta con Valerio Jalongo. A seguire proiezione del film Il senso della bellezza di Valerio Jalongo. Sabato 27 ottobre alle 10 conferenza La città, la Televisione. Quattro cataloghi per un libro con Mario Sasso. Alle 16 performance di Luca Rossi e alle 20 performance di Mike Watson. Domenica 28 ottobre alle 11 performance di Claudio Jankowski e alle 16 performance di Sabina Meyer Segue alle 17 l’incontro con Luca Rossi. Martedì 30 ottobre alle 16 performance di Lydia Predominato e alle 18 performance elettronica di Piero Mottola. Giovedì 1 novembre alle 18 in programma Female Touch. Il tocco femminile nel cinema (III Edizione), proiezioni e incontri con le professioniste del cinema. Una produzione Blue Desk a cura di Floriana Pinto.

FOTOGRAFIA

Chiude venerdì 26 ottobre nel Padiglione B del Mattatoio di Testaccio la mostra Photo IILA, dedicata ai 10 anni del Premio IILA Fotografia rilasciato da IILA – Organizzazione internazionale Italo-latino americana con una selezione dei progetti delle edizioni precedenti e i lavori realizzati a Roma dai vincitori degli anni passati (visitabile ore 14-20).

In corso alle Officine Fotografiche all’Ostiense la mostra fotografica Resolution 808 – Inside the Yugoslavia Tribunal curata da Pinup srl per il Festival della Diplomazia. Un percorso fotogiornalistico di Martino Lombezzi, Jorie Horsthuis con la curatela di Daria Scolamacchia che racconta l’esperienza pionieristica del Tribunale Penale Internazionale per la ex Jugoslavia (ICTY) istituito nel 1993 con la risoluzione 808 del Consiglio di sicurezza dell’ONU (visitabile fino al 9 novembre da lunedì a venerdì ore 10.00-13.30 / 15.30 – 19.30).

In corso al Museo di Roma in Trastevere la mostra Lisetta Carmi, la bellezza della verità, prima mostra pubblica a Roma dedicata alla fotografa, nata a Genova nel 1924, e al suo lavoro ventennale, realizzato tra gli anni Sessanta e Settanta in Italia e in giro per il mondo in Paesi come Israele, Afghanistan, India e America Latina. Esposti oltre 170 scatti con opere conosciute e inediti presentati per l’occasione (visitabile fino al 3 marzo 2019 da martedì a domenica ore 10-20; la biglietteria chiude alle 19).