ROMA

Il sottosuolo, Teatro Arcobaleno, spettacoli a Roma, evento in corso

[ad_1]

Sarà in scena al  Teatro Arcobaleno il 19, 20 e 21 ottobre Il sottosuolo da Dostoevskij, scritto e diretto da Giuseppe Argirò. Protagonisti: Edoardo Siravo, Fabrizio Bordignon e Silvia Siravo.

Il testo dello spettacolo è tratto da Memorie dal sottosuolo, anche noto come Memorie del sottosuolo o Ricordi dal sottosuolo, romanzo del 1864 di Fëdor Dostoevskij.

L’uomo del sottosuolo è un uomo malato, respinto dalla brutalità della vita sociale volutamente relegato ai margini di ogni possibile esistenza. Il personaggio dell’autore russo ben rappresenta il disagio dell’uomo moderno che cede all’inettitudine e all’impotenza dell’anima. Un uomo senza redenzione, a cui non resta altra possibilità se non tormentare altre vittime più indifese e vulnerabili di lui. La sua abiezione lo porterà a incontrare una prostituta alle prime armi in una sera di neve bagnata. Nel concitato dialogo con la ragazza, interpretata da Silvia Siravo affioreranno i temi dostoevskiani: le lacerazioni della coscienza, la voluttà del dolore, l’espiazione. La parte oscura dell’essere umano domina su ogni cosa, l’inconscio emerge con prepotenza e determina ogni atto.

Il legame parentale tra i due attori:padre e figlia è una scelta voluta per rafforzare ed evidenziare la portata psicologica dello scrittore russo, in grado di far riemergere l’inconscio più oscuro dei protagonisti, che consumano la loro vicenda umana nel non detto, scoprendo l’inadeguatezza della vita,perennemente irrisolta e pervasa dalla sofferenza, rivelatrice di verità

Il servitore, interpretato da Fabrizo Bordignon diventa l’alterego del protagonista, regalando momenti paradossali e pervasi di ironia al testo che acquista un personaggio  ravvivando lo spettacolo e arricchendo il dettato del monologo interiore.

Un testo dalle infinite sfaccettature che si avvale di un attore  versatile e poliedrico come Edoardo Siravo Il racconto di una vita sprecata, moralmente corrotta può tuttavia offrire una speranza: nel prendere coscienza di se stessi e nel cercare senza paura la verità.

 

Note di Giuseppe Argirò

Lo spettacolo è una produzione di Fondamenta Teatro e Teatri di Francesco del Monaco e Cristiano Piscitelli, con la Direzione artistica di Giancarlo Sammartano e la Direzione organizzativa di Fulvio Ardone. Fondamenta Teatro e Teatri  è il progetto di Fondamenta La Scuola dell’Attore che favorisce il naturale passaggio dalla formazione alla professione.