ROMA

Moby Dick, la bestia dentro, Teatro Vascello, spettacoli a Roma, evento in corso



“L’uomo non è mai padrone del suo destino se non insegue un sogno

… e se non ha l’ostinazione per realizzarlo, quel sogno!”

 

MOBY DICK, La Bestia dentro, della Compagnia del LOTO ha debuttato con successo a fine giugno ad Asti Teatro festival XL ed è stato poi proposto in altri Festival estivi, da Nord a Sud della Penisola, come Le Dionisiache nel Teatro antico di Segesta, nella Stagione del Teatro Sannitico di Pietrabbondante (IS), il Daiacetum Festival di Pelago (FI).  

È presentato a Roma al Teatro Vascello, il 10 e 11 ottobre, all’inizio di una tournée invernale che nei prossimi mesi lo porterà, in tanti altri Teatri d’Italia, da Pescara, a Vasto, Viterbo, Napoli, Soverato, Firenze.  

Interpretato dal direttore artistico del Teatro del LOTO Stefano Sabelli (Achab), e da Gianmarco Saurino (Ismaele) – molto presente in questo periodo sugli schermi di RAI UNO, come protagonista d’importanti fiction come NON DIRLO AL MIO CAPO 2 e CHE DIO CI AIUTI 4 e 5 – questo MOBY DICK è un’originale riscrittura di Melville, che si apre e chiude navigando i mari dell’anima e dell’inconscio. Come pure, i grandi monologhi di Shakespeare, di Moliere e i saggi di Artaud, ripercorsi da Achab, che ne compongono le onde.

 

Nello spettacolo, scritto e diretto da Davide Sacco, con musiche originali composte ed eseguite dal vivo da Giuseppe Spedino Moffa e scene dello stesso Stefano Sabelli, che ha ricostruito l’intera tolda del PEAQUOD, in navigazione su un Oceano di libri, il pubblico è fatto accomodare tutt’intorno alla nave, a ridosso dell’azione scenica.

Ciò permette il coinvolgimento molto partecipato degli spettatori, che diventano a loro volta equipaggio del Peaquod o, a seconda dei casi, onde fluttuanti di questa appassionata ed originale riscrittura scenica di uno dei capolavori assoluti della letteratura contemporanea.  

“Chiamatemi Achab. Chiamatemi Ismaele. Chiamatemi Nessuno!”

 Si apre e chiude navigando i mari dell’anima e dell’inconscio questa riscrittura dell’opera di Melville di Davide Sacco. Come pure, i grandi monologhi di Shakespeare, di Moliere e i saggi di Artaud, ripercorsi da Achab, che ne compongono le onde. In un mare che si fa oceano infinito, Achabsi trasforma nei protagonisti della storia del Teatro e della Letteratura, solcando i flutti della conoscenza, sfidando tutto e tutti per sete di sapere ed esperienza. Figlio naturale della cultura occidentale, il vecchio capitano del Peaquad, nella balena bianca, vede i limiti dell’uomo e si getta in un iperbolico inseguimento, con l’unica fiocina per lui possibile: l’ostinazione alla Ragione, al Sapere, all’Arte.

“L’uomo non è mai padrone del suo destino se non insegue un sogno e se non ha l’ostinazione per realizzarlo, quel sogno!”

Ad accompagnarlo per questi mari, Ismaele, giovane, forte, bello, ancora inesperto forse, ma non ingenuo e, piuttosto, in tutto simile ad Achab, Re del dolore, nella tenacia e nella sfrontatezza di sfidare Natura, Fato, Divino, grazie alla capacità di saper improvvisare, e stare sempre sull’onda nel momento di maggior necessità! Così simili da essere, forse, padre e figlio… Oppure, forse, diversi ma uniti dalla forza di sfidare ognuno il proprio mostro… dentro il mare del Sé.

La scenografia di Stefano Sabelli evoca la tolda di una baleniera, con tanto di alberi e vele, appoggiata su tappeto blu, che è in realtà un mare di libri. Il pubblico viene fatto accomodare intorno alla nave, molto a ridosso degli attori, e di fatto inglobato inglobato nell’azione scenica come un mare fluttuante, quando non è invece chiamato ad essere lo stesso equipaggio del Pequod.

Tratto da Melville

musiche, composte ed eseguite dal vivo da

GIUSEPPE SPEDINO MOFFA

testo e regia Davide Sacco

scene Stefano Sabelli

costumi Martina Eschini

disegno luci Daniele Passeri

fonico Gianmaria Spina

aiuto regia e produzione Eva Sabelli

foto: T. Le Pera – F. Rabino – M. Ferrante