ROMA

Torna “Fuorinorma” all’Isola del Cinema, Isola Tiberina, rassegne a Roma, evento in corso

[ad_1]

Dal 28 al 31 agosto si svolgerà la nuova tappa della manifestazione cinematografica itinerante “Fuorinorma”, seconda edizione dopo le oltre 100 proiezioni romane dell’autunno scorso. Il luogo di proiezione che tutti i romani riconoscono come cuore pulsante di idea cinema dell’Estate Romana sarà L’Isola di Roma, XXIV edizione del Festival L’Isola del Cinema, diretto da Giorgio Ginori e in programma sull’Isola Tiberina fino al 2 settembre.

I film in programma verranno proiettati ad ingresso libero al Cinelab e nello Spazio Young. La manifestazione è curata da Adriano Aprà e dall’Associazione FUORINORMA. Per la prima volta verranno, inoltre, presentati corti e brevissimi lavori di videoartisti e videoperformers nella sezione curata da Bruno Di Marino e Francesca Fini.

La rassegna a “L’Isola di Roma” è parte del programma estivo di quello che si potrebbe definire “festival espanso” e che si pone come obiettivo la promozione del cinema italiano degli anni recenti (2006-2018) mettendo in comunicazione autori indipendenti con sale indipendenti e proponendo 60 opere (lo scorso anno erano 20) in circa 15 sale romane a partire dall’1 marzo al 15 dicembre 2018 alla presenza di autori, collaboratori, critici.

La manifestazione sta raccogliendo adesioni importanti presso sale e festival italiani e stranieri e riprenderà a Roma dal prossimo ottobre, dopo la programmazione estiva che ha coinvolto le Biblioteche di Roma, Apollo 11, la Casa internazionale delle Donne ed ora L’Isola del Cinema.

La linea dominante negli anni 2000, nel cinema di finzione, nel documentario, nell’avanguardia propriamente detta, dal punto di vista della qualità innovativa – se ancora crediamo, nel valore dell’estetica –, è quella di una via neosperimentale del cinema italiano. Essa non ha nulla a che vedere, se non storicamente, con l’avanguardia italiana degli anni ’60-’70. Nasce da una crisi creativa del cinema narrativo e del documentario del reale. Fra il 2006 e il 2017 ecco una sorta di esplosione del neosperimentalismo, termine con il quale intendiamo definire film che sono basati su una ricerca estetica fuori del comune.

Sorge dall’insoddisfazione di molti autori nei confronti delle forme espressive stabilizzate. Esse mal si adattano al bisogno di creazione di contenuti e quindi di forme nuove. La sala, al cui accesso si inframettono produttori e distributori alieni alle novità, è ormai solo uno dei punti di visibilità. Si sono aggiunti il DVD e il web. E si sono aperti nuovi luoghi di proiezione non inquadrati nel sistema industriale, compresi i musei e le gallerie d’arte. Il digitale poi ha consentito di realizzare non solo opere a minor costo ma anche di metterne in pratica le specificità “pittoriche”.

Non si tratta più di fare l’elogio del marginale. Si tratta di constatare che il gran numero di film di lungometraggio – ai quali sarebbe giusto aggiungere quelli di cortometraggio – indica un movimento (se non ancora una “scuola”, perché ciascuno continua a operare per proprio conto, in isolamento, e perché non ci sono affinità stilistiche fra le varie opere) emerso soprattutto nell’ultimo decennio.

Non desideriamo fare storia ma cronaca: cronaca militante.

(Adriano Aprà)

PROGRAMMA

MARTEDÌ 28 AGOSTO

Ore 20.00 CINELAB

CINEMA GRATTACIELO (2017, 98′) di Marco Bertozzi

La Rimini che vediamo, con le sue case bassine fra cui svetta il grattacielo, non è quella dei vacanzieri. Il grattacielo è anche una nave spaziale, che si proietta nel futuro, che sogna, e che si mette in scena dalle viscere alla cima…

Ore 21.00 SPAZIO YOUNG

FUORIFORMATO / CORTI SPERIMENTALI

“Person-A” di Davide Mastrangelo e Francesca Leoni (4′ 26″) –  “Skinned” di Francesca Fini (7′)

“I Ain’t Superstitious” di Francesca Romana Pinzari (5′ 37″) – “Struggle for Power” di Elena Bellantoni (8′ 50″)

“Post Rebis” di Alessandro Amaducci (3′ 44″)  – “Reverse Metamorphosis” di Eleonora Manca (1′ 14″)

Ore 21.30 SPAZIO YOUNG

NO COMMERCIAL USE (2017, 127′) di Luis Fulvio Baglivi

È il ’77, finalmente il cielo (rosso) è caduto sulla terra. WOW. (A) Soffiare sul fuoco, a/traverso la zizzania, la gioia (armata), rivolta (di classe) e cospirazione, senza tregua, è uno strano movimento di strani studenti, congiura dei pazzi senza famiglia, senza galere…

MERCOLEDÌ 29 AGOSTO

Ore 20.00 CINELAB

FESTA (2016, 40′) di Franco Piavoli

In un villaggio di campagna si celebra la festa di San Pietro. Nei paesi o nei quartieri ogni anno si rinnovano le feste tradizionali per celebrare il santo patrono. Le feste rispecchiano il bisogno di fede, di convivialità e divertimento. Ma ad alcuni fanno sentire più forte il disagio e la solitudine…

Ore 21.00 CINELAB

TIDES (2016, 45′) di Alessandro Negrini

Una rêverie surreale sul concetto di separazione, di confine, (geografico e mentale), raccontato dal punto di vista del fiume, che ne diventa il narratore e il protagonista, laddove sogno e realtà si intrecciano in una sorta di magica autobiografia del fiume-confine…

Ore 22.30 SPAZIO YOUNG

AB URBE COACTA (2016, 74′) di Mauro Ruvolo

Frammenti, abilmente montati anche in discontinuità, di vita quotidiana al lavoro e in casa, degli amici, di gare motociclistiche, di extracomunitari, perfino dell’intimità; e il romanesco sboccato di una città coatta e

imprigionante…

GIOVEDÌ 30 AGOSTO

Ore 20.00 CINELAB

EL IMPENETRABLE (2012, 95′) di Daniele Incalcaterra e Fausta Quattrini

Un racconto in prima persona: come restituire una terra di 5000 ettari, comprata nel 1983 dal padre nella “impenetrabile” foresta del Chaco in Paraguay, agli indios Guaraní-Ñandeva, a cui apparterrebbe di diritto, trasformandola in riserva naturale…

Ore 21.30 SPAZIO YOUNG

FUORIFORMATO / CORTI SPERIMENTALI

“Microbioma” di Virginia Eleuteri Serpieri e Gianluca Abbate (5′) – “Panorama” di Gianluca Abbate (7′ 15″)

“Dust Grains” di Elisabetta Di Sopra (3′ 31″) – “Halphabet” di Basmati (6′) – “Anthropometry” di Marcantonio Lunardi (3′ 36″) – “Kurgan” di Igor Imhoff (5′ 04″)

Ore 22.00 SPAZIO YOUNG

RADIO SINGER (2009, 53′) di Pietro Balla

1 ottobre 1977, ultimo giorno di vita di Radio Singer, la voce dei lavoratori della fabbrica statunitense, un tempo famosa per le macchine da cucire, che ora produce lavatrici a Leinì, un borgo industrializzato vicino Torino,

e giorno di chiusura della fabbrica…

VENERDÌ 31 AGOSTO

Ore 20.00 CINELAB

FUORIFORMATO / CORTI SPERIMENTALI

“La Rivoltella” di Danilo Torre (5′) – “Di domenica” di Donato Sansone (4′) – “Kintsugi” di Apotropia (4′ 30″)

“Pryntyl” di Virgilio Villoresi (3′ 50″) – “Quasi fosse Amore” di Antonello Matarazzo (4’45”)

“Linea d’onda” di Audrey Coianiz (4′) – “Blinding Plan 2” di Debora Vrizzi (8′) – “White Sex” di Rita Casdia (2′)

“Il mio corpo a maggio” di Matilde De Feo (1′ 10″)

Ore 20.45 CINELAB

TRE DONNE MORALI (2006, 86′) di Marcello Garofalo

Ritratti di tre donne fuori dal comune: l’insegnante elementare Linda Mennella (Marina Confalone); la ex suora e gestore di un cineclub a Napoli Ersilia Vallifuoco (Piera Degli Esposti); la pittrice e scultrice Amalia Concistoro (Lucia Ragni). Il nostro tempo disastrato trova conforto nella loro presenza positiva…

Ore 22.30 CINELAB

THE FIRST SHOT (2017, 76′) di Yan Cheng e Federico Francioni

Federico Francioni e il suo compagno del Centro Sperimentale Yan Cheng viaggiano in Cina con la loro videocamera pedinatrice, inserendo ogni tanto riprese al ralenti che sembrano aggiungere al film un elemento di sospensione e di mistero…

L’Isola di Roma è il nuovo progetto lanciato da L’Isola del Cinema, che per l’edizione 2018 arricchisce il suo palinsesto aprendosi a letteratura, musica e fotografia. L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e realizzata in collaborazione con SIAE e si avvale dei patrocini di UNESCO, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Lazio, delle Biblioteche di Roma, dell’Agenzia Nazionale del Turismo, della Comunità di Sant’Egidio, dell’Ospedale Fatebenefratelli e del Pitigliani – Centro Ebraico Italiano.