ROMA

Angeli e Demoni: Carracci e Caravaggio a confronto, Basilica di Santa Maria del Popolo, visite guidate a Roma, evento in corso



L’atmosfera di profonda rivelazione che si respira passeggiando fra le navate di Santa Maria del Popolo ha ispirato nei secoli artisti, filosi e letterati fino a Dan Brown, che la scelse come luogo dove collocare il primo dei quattro altari della scienza legati al percorso iniziatico fatto di luci e ombre. Il luogo dove è sorta la chiesa, è di per sé enigmatico, la tradizione vuole che essa fu collocata al di sopra dell’ingresso agli inferi, protetto da un albero di noce secolare dove aveva trovato sepoltura il corpo dell’imperatore Nerone, macchiatosi in vita di orrendi delitti, non ultimo la persecuzione dei cristiani. Sommi artisti come Perugino, Raffaello, Bernini, Caravaggio e Annibale Carracci si sfidarono a colpi di pennello e scalpello per trasformare questo luogo maledetto in un luogo di perdono e preghiera, creando capolavori senza tempo che sanno ancora incantarci.

Angeli e Demoni: Carracci e Caravaggio a confronto
Visita guidata alla scoperta di Santa Maria del Popolo, enigmatico scrigno d’arte di capolavori senza tempo.

La visita sarà condotta da: Monica Sales, archeologa in possesso dell’abilitazione di guida turistica della Provincia di Roma.

Durata: 2 ore circa.

NOTE DA LEGGERE! Per partecipare alle nostre attività è necessario essere socio oppure diventarlo, nel rispetto del nostro Regolamento (pubblicato sul nostro sito:  http://romaelazioperte.blogspot.it/) e delle normative vigenti in materia di associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile).

La quota sociale (inclusa nel contributo di partecipazione, di cui sopra) è prevista dalle normative che in Italia disciplinano l’associazionismo (L. 383/2000 e Art. 14-42 Codice Civile). Quota sociale, contributi di partecipazione e donazioni, sono i principali strumenti di sostentamento per un’associazione no-profit: questi servono a coprire le spese annuali organizzative, amministrative e di gestione ordinaria e a mantenere in vita il progetto sociale e culturale portato avanti dal direttivo, consentendo di organizzare e promuovere sempre nuove attività per tutti i soci.”